Responsabile

News

Il blog

Da sapere

Anticaduta: a rotaia o a cavo?

È meglio installare un sistema a rotaia o a cavo?
E nel secondo caso, a cavo rigido o a cavo flessibile?

Questo articolo ha l’obiettivo di rispondere il più chiaramente possibile ad una domanda che ricorre spesso durante i nostri incontri di formazione.

Vantaggi e svantaggi: generalmente ognuno ha la propria convinzione senza tuttavia avere a disposizione le conoscenze e i criteri per fare la scelta migliore.
Ogni sistema, in effetti, ha i suoi vantaggi e i suoi svantaggi, alcuni sono più indicati rispetto ad altri in determinate situazioni.

Non c’è un criterio per determinare quale dei due sistemi sia il migliore: fare la scelta più corretta presuppone la conoscenza dei prodotti disponibili sul mercato, la loro concezione, il loro funzionamento e, soprattutto, le loro differenze. Questo suppone anche di aver stabilito un “cahier de charge” cioè quali carichi si devono affrontare precisando bene il contesto, le attese legate all’utilizzo, e le tolleranze.
Noi speriamo di attirare la vostra attenzione per facilitare la vostra scelta e per mostrarvi che esiste solo una verità: il criterio di scelta dipende dall’altezza della caduta.

Quale altezza di caduta dobbiamo prevedere? Per esperienza si sa che più l’altezza di caduta è importante, più aumentano i rischi e più l’impatto contro gli eletti della struttura possono provocare danni e ferite.
Per contro, più la caduta è limitata più diminuisce la gravità al punto di diventare un “non evento”.

Moltiplicazione delle offerte sul mercato: il mercato offre una vasta serie di varianti: carrello con attacco diretto tramite moschettone , oppure con la fune prima e poi il moschettone o ancora con assorbitore di energia fune e moschettone . È evidente che una caduta con un solo moschettone di sicurezza non potrà mai essere efficace per altezze superiori ai 20 cm mentre una fune di collegamento può essere efficace per 80 cm.

Se si aggiunge un assorbitore l’altezza di caduta può essere aumentata, sapendo che la norma precisa che non può essere superiore a un metro.
La logica vuole che si opti per il collegamento più corto; l’attenzione sarà quindi portata verso la libertà di movimento offerta dai diversi sistemi in relazione alle diverse esigenze di lavoro.

Share on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *